Dopo la sconfitta dell’andata, anche al ritorno l’Argentario VolLei viene piegato da Vicenza: 3-0 (25-17, 25-19, 25-17) il risultato finale della 22a giornata di campionato dopo la quale Bonafini e compagne scendono al penultimo posto in classifica. Complice la vittoria della Carinatese su Volano per 3-1, le trentine si ritrovano ora in zona retrocessione a un punto di svantaggio dal terzultimo posto, occupato proprio dalle bresciane.
Vicenza prosegue invece la propria rincorsa a Talmassons e al primo posto in classifica, che attualmente dista quattro punti.
Quella andata in scena al Palazzetto dello Sport di Vicenza è stata una partita interamente controllata dalle padrone di casa, autrici di un’ottima prestazione. Un finale di stagione impegnativo attende ora l’Argentario, che affronterà nell’ordine Giorgione, Pisogne e San Donà, formazioni che, eccezion fatta per la seconda, che lotterà sino alla fine del campionato per raggiungere i play-off, non hanno più obiettivi di classifica. Fondamentali saranno le prossime due partite, perché Bonafini e compagne alla 25giornata, la penultima, saranno costrette al turno di riposo, mentre Bedizzole e la Carinatese, le dirette concorrenti per la salvezza, saranno impegnate rispettivamente con Giorgione e Ospitaletto.

La cronaca

Per la trasferta con Vicenza Maurizio Moretti sorprende e schiera Katerina Pucnik, alle prese con il recupero dopo la lussazione del mignolo della mano destra, libero, e Margherita Dorigatti schiacciatrice. Completano la formazione Bonafini in regia, Rizzo schiacciatrice, Perez opposto, Barbazeni e Brugnara centrali. Dall’altro lato del campo coach Cavallaro manda in campo De Stefani, Assirelli, Bortoli, Rossini, Filippin, Visintini e D’Ambros libero.
Sono scambi di assaggio le prime battute del match e le trentine sono attente in difesa (8-6). In pochi minuti le padrone di casa premono sull’acceleratore e piazzano il primo decisivo break per portarsi a casa la frazione (16-10). Le trentine tentano di recuperare, ma lo svantaggio aumenta (21-13). In poco più di venti minuti Vicenza chiude sul punteggio di 25-15.
Durante il secondo set Maurizio Moretti gioca la carta Tellaroli opposto al posto di Perez, ma l’avvio di frazione è ancora nella mani delle ragazze di coach Cavallaro (8-6). L’andamento del periodo ricalca quello del primo (16-12) e poco Bonafini e compagne riescono a fare (21-12). Vicenza sigla così il definitivo 25-19 in poco meno di venticinque minuti di gioco.
Il terzo set sembra promettere diversamente e dopo i primi punti è l’Argentario a guidare (7-8). Ancora una volta però Vicenza non si scompone e si riporta avanti (16-10). Lo svantaggio aumenta sino al definitivo meno sette (21-14) e Assirelli e compagne vincono set e partita con il punteggio di 25-17.
I dati del tabellino finale evidenziano la superiorità espressa in campo dalle venete: battuta (6 punti contro 4), ricezione (63% contro 63%), attacco (49% contro 34%), muro (8 punti contro 6). Top scorer di giornata l’ex Giulia Visintini (15 punti). Per Vicenza in doppia cifra anche capitan Flavia Assirelli (12 punti) e Jasmine Rossini (11 punti). In casa Argentario Arianna Rizzo unica giocatrice oltre i dieci punti (11).

Le dichiarazioni

Ci si aspettava una giornata difficile, in cui però l’Argentario avrebbe potuto sfruttare gli errori delle avversarie, che però non sono arrivati. «Siamo scesi in campo – spiega l’allenatore Maurizio Moretti – giocando una partita molto attenta in difesa. Purtroppo in attacco siamo stati poco consistenti e di fronte ad avversari di questo calibro si paga. Ora dobbiamo guardare alle prossime e decisive partite cercando mettere in pratica tutte quelle piccole e buone cose fatte vedere nelle ultime settimane per essere competitivi e giocarci la salvezza».
Una settimana ricca di allenamenti intensi aspetta ora l’Argentario che si giocherà molto la prossima giornata con Giorgione. La partita è in programma sabato 6 aprile alle 17,30 al PalaBocchi.